Namibia: Caprivi, Etosha, Damaraland e Waterberg

PROGRAMMA DI VIAGGIO
Namibia: Percorreremo tutta la striscia del Caprivi quasi fino a Katima Mulilo al confine con il Botswana, poi torneremo indietro per un lungo stop al Parco Etosha dove visiteremo la zona ovest, quella che fino a qualche anno fa era chiusa al turismo. Da lì ci sposteremo verso Vibgerklip  (tra Outjo e Khorixas) per poi arrivare al Waterberg Plateau.
Dal 07 agosto al 27 agosto 2018
Durata: 21 giorni

Itinerario
1° giorno, 07 agosto:
Partenza da Roma con volo per Windhoek via Addis Abeba con Ethiopian Airlines.

2° giorno, 08 agosto:
Arrivo a Windhoek, ritiro auto e sim namibiana. Notte all’ Hotel Safari Court.

3° giorno, 09 agosto:
Partenza presto per Otavi, sosta al mercato di Okahandjia che si trova a circa 1 ora da Windhoek e poi a Otjiwarongo per la spesa. Arrivo all’Ohange Lodge. Pomeriggio in piscina in pieno relax. Cena al Lodge, tutti insieme nel boma. (400 Km, 4 ore)

4° giorno, 10 agosto:
Partenza di buon mattino per Rundu, arrivo all’Hakusembe River Lodge. Pranzo sulla bellissima terrazza che si trova sul fiume, dall’altro lato c’è l’Angola. Crociera al tramonto. (380 Km, 4 ore)

5° giorno, 11 agosto:
Hakusembe River Lodge. Sveglia con una sorpresa: sul tavolo della terrazza troviamo un vassoio con la colazione. Facciamo poi una crociera all’alba lungo il fiume. Il resto del giorno lo trascorriamo in piscina.

6° giorno, 12 agosto:
Partenza per Divundu (direzione est) e arrivo a Mahangu Safari Lodge ( 250km, 2 ore e 30 minuti). Safari al Parco Mahangu.

7° giorno, 13 agosto:
Mahangu Safari Lodge, la mattina ci viene offerta la colazione su una grossa chiatta che naviga sul fiume Okavango mentre nel pomeriggio facciamo safari guidato West Caprivi National Park. Vediamo molti animali, nessun felino ma molti elefanti. Purtroppo incontriamo anche una jeep di cacciatori, infatti in Namibia la caccia è permessa e non è bello pensare che l’elefante che hai appena ammirato, potrebbe di lì a pochi minuti diventare un trofeo. Cena al Mahangu, a letto presto.

8° giorno, 14 agosto:
Spostamento verso est in direzione Sangwali e arrivo a Nkasa Lupala Lodge (300km, 3 ore e 30 minuti). Per arrivare al lodge, l’ultimo tratto di strada è per 4×4, non difficile. Il lodge è un sogno, le tende sono ben accessoriate, il proprietario e la sua famiglia sono persone piacevolissime. C’è una piccola piscina con lettini e poltrone per il relax, wifi nelle aree comuni, una bella sala con poltrone e veranda sul fiume, dove sono presenti anche delle prese per caricare telefoni e batterie (non c’è corrente elettrica). Nel pomeriggio facciamo la navigazione sul fiume al tramonto, abbiamo visto tantissime specie di uccelli e panorami mozzafiato. Cena ottima, tutti insieme, tutti insieme sulla veranda e poi a chiacchierare intorno al fuoco.

9° giorno, 15 agosto:
Nkasa Lupala Lodge. Ci svegliamo e partiamo per il safari combo di 5 ore (safari e barca). Siamo solo 4 persone, abbiamo visto gran varietà di animali e scenari indimenticabili. Sosta caffè in mezzo agli elefanti.

10° giorno, 16 agosto:
Partiamo per Rundu (470 km, 5 ore). La strada è un po’ noiosa, allietata durante una sosta da una coppia di bambine, che un po’ timide ma curiose, si sono avvicinate. Arriviamo al Kaisosi River Lodge, ci riposiamo, ceniamo ed andiamo a letto presto.

11° giorno, 17 agosto:
Oggi è il gran giorno: partiamo per Etosha (440km, 4 ore). Procediamo per Grootfontein, poi Tsumeb ed infine arriviamo a Namutoni. Safari del pomeriggio. Ci aspettano zebre, giraffe ed elefanti, oltre allo spettacolare tramonto alla waterhole di Namutoni.

12° giorno, 18 agosto:
Ci spostiamo verso Halali, sempre all’interno di Etosha (70Km, 1 ora). Durante il viaggio ci fermiamo alle varie waterhole e vediamo parecchi elefanti, ricoperti dalla polvere bianca del parco. Arriviamo al campo, prendiamo possesso della nostra casetta e andiamo a dare un’occhiata alla waterhole, che però stavolta non ci regala i rinoceronti.

13° giorno, 19 agosto:
Sveglia di buon mattino, colazione e partenza per Okaukejo. Safari lungo il percorso, oltre a elefanti, antilopi, giraffe etc., avvistiamo una leonessa che si fa largo tra tantissime antilopi per andare a bere. Arriviamo al campo e non vediamo l’ora. Abbiamo assegnata la Premier Waterhole Chalet. Sono quelle casette a due piani con il terrazzo molto grande prospiciente la waterhople: la vista è unica. Dopo qualche minuto cominciano ad arrivare gli elefanti e ne arriveranno per tutto il pomeriggio. La waterhole di Okaukejo non ci ha deluso MAI.

14° giorno, 20 agosto:
Safari e poi cambio di casetta, la fortuna è terminata ed abbiamo una casetta lontana dalla waterhole, ma va bene lo stesso.

15° giorno, 21 agosto:
Partiamo per il Dolomite Camp (200Km, 3 ore e 30 minuti). la seconda parte della strada è terribilmente corrugata e balliamo parecchio. Ci fermiamo per una breve sosta a Olifantruus ed andiamo alla waterhole, che ci è piaciuta molto, pienissima di gnu. Arriviamo Al Dolomite, finalmente.
Il campo è in posizione sopraelevata, panoramicissimo, purtroppo un po’ scomodo, tutto in salita. Le tende ben accessoriate, con una piccola terrazza panoramica. La piscina è qualcosa di mozzafiato. Pomeriggio al campo in relax.

16° giorno, 22 agosto:
Partiamo per il safari con la nostra auto. Gli avvistamenti sono emozionanti. Il Dolomite si trova in una zona piuttosto selvaggia, non ancora battuta dal turismo, le auto sono pochissime. Gli avvistamenti si fanno per lo più in solitaria e questo aggiunge emozione. Cene e notte al campo.

17° giorno, 23 agosto:
Partiamo presto per il Damaraland, subito dopo colazione (300km, 3 ore e 40 minuti). Appena usciti da Etosha, si rompe il nostro navigatore, non trova più le mappe, ci arrangiamo con il telefono. Andiamo verso Vingerklip. Passando da Kamanjab arriviamo a Vingerklip, dopo essere stati fermati per un controllo di routine dalla Polizia. Lasciamo i bagagli in camera ed andiamo fino in cima. Un percorso di scalette permette di arrivare fino alla sommità. Ci godiamo il panorama, per poi scendere al tramonto. Ceniamo e dormiamo al Vingerklip lodge.

18° giorno, 24 agosto:
Partenza per Waterberg (260km 3 ore), arrivo per pranzo Waterberg Resort NWR. Tentiamo di arrivare in cima a piedi ma il percorso è troppo difficile e non abbiamo le scarpe adatte, per cui rinunciamo e torniamo al cottage, dove verranno a farci visita una famigliola di antilopi.

19° giorno, 25 agosto:
Partiamo dal Waterberg Resort con calma e raggiungiamo nel primo pomeriggio Windhoek. Notte all’ Hotel Safari Court

20° giorno, 26 agosto:
Nella mattinata, dopo una buona colazione, ci avviamo verso l’aeroporto. Restituiamo l’auto, sbrighiamo le pratiche e ci imbarchiamo sul volo da Windhoek per Roma via Addis Abeba dell’Ethiopian Airlines.

21° giorno, 27 agosto:
Arrivo a Roma la mattina presto

Hakusembe, lungo il fiume Okavango

 

Mahangu Park e West Caprivi National Park

 

Nkasa Lupala Park

 

Etosha National Park

 

Vingerklip

 

Waterberg Plateau
 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: